• Home
  • Salute
  • Dalla statistica alla propaganda: i dati falsati ISS su vaccini e decessi

Dalla statistica alla propaganda: i dati falsati ISS su vaccini e decessi

| Gruppo salute |

La propaganda di un regime, di qualsiasi fede politica, non può nutrirsi solo di slogan. Deve ostentare anche dati che possano essere comunicati come oggettivi e incontrovertibili a sostegno delle proprie misure. A maggior ragione se si tratta di provvedimenti fortemente liberticidi, che violano diritti costituzionali che ci illudevamo di aver acquisito una volta per tutte. La mente va, naturalmente, alla famigerata conferenza in cui il premier Draghi, in una sorta di notte delle lunghe siringhe, annunciava il famigerato lasciapassare verde.

Il documento dell’Istituto Superiore di Sanità

Da diversi giorni circola sui media e sul web un documento denominato “Report sulle caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a SARS-CoV-2 in Italia”, che fornirebbe una solida conferma al mantra secondo cui solo il vaccino ci salverà. Secondo l’Istituto superiore di sanità, che ha realizzato la ricerca, e tutti i grandi media italiani, sarebbe la prova incontrovertibile dell’efficacia dei vaccini, farmaci sperimentali ormai oggetto di una venerazione di tipo quasi religioso. 

In aperto contrasto con i dati che arrivano da altri paesi, l’ISS afferma che  il 99% dei decessi da febbraio a luglio si sono verificati tra i non vaccinati. Un risultato eclatante che attesterebbe la bontà delle scelte del governo e di misure discriminanti, divisorie e pericolose come il green pass. Sebbene le terapie intensive registrino quest’estate tassi di occupazione maggiori dell’anno scorso, quando il vaccino era ancora in mente Dei, il successo della campagna governativa sarebbe insomma quasi totale.

Perché i conti non  tornano

Ma andando a esaminare da vicino i dati dell’ISS non tutto torna (se non per il governo). La prima cosa che salta all’occhio è il periodo preso in esame: la rilevazione inizia infatti a fine gennaio 2021, quando la percentuale di persone vaccinate era molto ridotta e per forza di cose i ricoveri interessavano per lo più i non vaccinati, ovvero la stragrande maggioranza della popolazione. C’è poi un altro artificio adottato dall‘ISS che lascia perplessi: classificare come vaccinate solo le persone che hanno ricevuto la seconda dose da 14 giorni. Ne consegue che coloro che hanno ricevuto solo la prima dose o la seconda da meno di due settimane sono considerati non vaccinati.

Si arriva così a un paradosso: se una persona positiva al Covid dopo la prima dose o nei 14 giorni successivi alla seconda finisce in ospedale, va a incrementare la percentuale dei ricoveri e, nel peggiore dei casi, dei decessi dei non vaccinati.

Si elimina in questo modo anche l’incidenza dei possibili effetti avversi da vaccino a breve termine, che in alcune circostanze possono portare al ricovero. Un’ipotesi che viene quasi sempre scartata a priori.

I punti deboli della narrazione ufficiale

I punti deboli del report dell’ISS non finiscono qui, ma quelli già evidenziati sono sufficienti per capire come l’oggettività resti una chimera quando l’imposizione di una narrazione a senso unico ha bisogno di nutrirsi soltanto di numeri che possano rafforzarla, per cementare il consenso in un momento critico come quello attuale. Una volta lanciato il sasso, come ben sanno i guru del governo, una conclusione costruita su basi fragili diventa a poco a poco verità assoluta e vulgata indiscutibile, pronta a viaggiare sull’autostrada del web e degli altri canali di comunicazione per silenziare ogni legittimo dubbio.

Per un’analisi competa del report dell’ISS, rimandiamo all’articolo pubblicato da www.informazionelibera.org: https://www.informazionelibera.org/professioni-e-sanita/iss-pubblica-aggiornamento-epidemia-covid-19-e-conferma-casi-e-decessi-tra-vaccinati.html

Sostieni il nostro partito! Il tuo contributo verrà impiegato per diffondere le nostre campagne, organizzare manifestazioni e, attraverso le elezioni, irrompere nelle istituzioni!   Sostienici

Lavoratori consapevoli 3V

La risposta di 3V agli operatori sanitari a rischio di obbligo vaccinale: diventare lavoratori consapevoli. Grazie a conoscenza e autodeterminazione è possibile esercitare responsabilmente la propria libertà di cittadini.

Leggi tutto l’articolo 

Le 15 ragioni di medici e scienziati che ci convincono a non vaccinarci per il Covid-19. Leggi gli studi e le fonti su: #ioNonMiVaccinoPerché

Sostieni la campagna

Contro la falsa lotta all’evasione, contro la moneta elettronica, in difesa dell’economia di persone reali, nasce l’iniziativa di solidarietà #ioPagoInContanti

Sostieni la campagna

Il partito politico 3V opera con il solo intento di perseguire il bene comune, cioè il benessere di tutti i cittadini, in armonia con l’ambiente e con ogni forma di vita. Leggi la nostra visione

NEWSLETTER 3V