Mascherine e tamponi: strumenti dell’Impero contro la Libertà

Farsi un tampone o indossare una mascherina, non ha nulla a che vedere con la salute. Ne abbiamo parlato numerose volte sui nostri canali.

Consigliamo la visione dei seguenti video di Anna Rita Iannetti:

Dott.ssa Anna Rita Iannetti: Mascherine Sì Mascherine NO
Dott.ssa Anna Rita Iannetti: Mascherine e bambini da Adulti
Dott.ssa Anna Rita Iannetti: Distanziamento Affettivo e Guarigione
Dott.ssa Anna Rita Iannetti: Mascherine Bambini e Fisiopatologie

Farsi un tampone o indossare una mascherina sono atti di sottomissione alle politiche di quello che chiamerò “Impero“.

Perché parlo di Impero? Perché pure con le evoluzioni della società e delle sue istituzioni, determinate logiche di acquisto, detenzione, gestione e concessione del potere sono simili fin dalle fasi finali dell’Impero Romano di Occidente in poi.

Con sfumature differenti, attraverso fasi alterne, la gestione del potere vive attraverso reti clientelari basate sulla “fidelitas di coloro che sono prossimi a colui che lo detiene e cioè di colui che controlla:
– moneta;
– esercito.

Ai fedeli e, gradualmente, in particolar modo dal Sacro Romano Impero in poi, anche alle loro discendenze, vengono concessi ricchezza e potere dal “princeps“. Le casate nobiliari nascono così: si creano e si consolidano delle reti di fiducia con chi controlla esercito e moneta, cementate mediante rapporti familiari.

Troviamo poi chi ambisce a posizioni di maggior potere e ricchezza partendo da “zero“, come homo novus; chi a una maggiormente equa distribuzione delle possibilità di scelta da parte di un più ampio gruppo di persone; chi a entrambe.

L’Impero può ignorarli, inglobarli nel suo apparato, contrastarli, eliminarli.

Gli apparati, che siano laici o ecclesiastici; i legami famigliari e le affiliazioni a logge massoniche e società segrete…: tutto ciò che ha una rilevanza in termini di rapporti sociali finisce per essere “longa manus” dell’Impero o, appunto, da esso contrastato / annientato.

È così che oggi abbiamo i vari Rothschild, Rockfeller, Warburg, Soros, Gates, Schwab, Von der Leyen, Ghebreyesus, Lagarde, Musk… Ma anche gli Hannover / Windsor, che sono storicamente e letteralmente Impero, a capo del Commonwealth (2,5 miliardi di persone in tutto il mondo), come altre casate dinastiche. A titolo esemplificativo, giusto qualche giorno fa Maurizio Blondet ci ha fatto notare il probabile ruolo di Aimone di Savoia e dell’erede dei Romanov (che ha sposato una donna italiana) nel passaggio che si sta operando per portare il pagamento in rubli degli scambi commerciali Italia/Russia.
Fonte: La Russia passa al rublo negli scambi con l’Italia?

Oggi coloro che hanno un minimo di consapevolezza trovano assurde le politiche decisionali degli ultimi anni come quelle che riguardano la presunta tutela dell’ambiente (green, geoingegneria), dei diritti civili (ivi compresa la questione del gender nelle scuole e dalla violenza sulle donne), della salute (vaccini, tamponi, mascherine, biolaboratori a controlli limitati, strapotere delle case farmaceutiche…), il presunto miglioramento dell’efficienza del sistema con gli strumenti della transizione digitale (intelligenza artificiale, identità digitale, lotta all’uso del contante, implementazione dell’utilizzo di tecnologie come il 5G), il sostegno o il mancato sanzionamento a fazioni o paesi straniere coinvolti in conflitti internazionali… tutte misure che costano tagli e gravosi sacrifici economici per le famiglie italiane, precariato, disoccupazione e così via, in nome del “Patto di stabilità e crescita“, del PNRR, del MES e affini, con sommo gaudio di banche finanza speculativa.

Sono politiche attraverso cui viene attuato il controllo dell’Impero sulla popolazione, mediante cui si perpetua la classe delle élite.

Così si spiega l’obbedienza cieca richiesta dagli apparati con obblighi no sense, come quelli richiesti dall’ordinanza del Ministro della Salute Schillaci che proroga fino al 30 giugno del 2024 le disposizioni previste da quella del 28 aprile del 2023 e cioè:
– l’obbligo delle mascherine nei reparti che ospitano pazienti fragili in strutture sanitarie e nelle RSA;
– il loro utilizzo negli altri reparti a discrezione dei direttori sanitari e negli ambulatori a discrezione dei MMG e dei PLS;
– tamponi per l’accesso dei PS a discrezione di direttori sanitari e delle Regioni.

Farsi forti della paura della gente (che sia di un presunto contagio o che sia della sanzione per non aver ubbidito) è un orribile strumento di sottomissione e controllo imperiale. Che nulla ha a che vedere con la salute, se non anzi in termini peggiorativi. Inoltre predispone la possibilità del ritorno di scenari pandemici orchestrati a tavolino dagli apparati.

Come 3V ci opponiamo politicamente a queste misure e continueremo a sensibilizzare la popolazione attraverso i nostri canali, gli incontri e gli eventi sul territorio, banchetti informativi, presidi e manifestazioni. Qui trovate il link del video dei nostri interventi alla manifestazione svoltasi lo scorso 15 dicembre 2023 di fronte al Ministero della Salute promossa da Raffaele Varvara (Operazione Riapriamo le Porte) e dal Comitato Fortitudo, a cui 3V ha aderito:

Abbiamo richiesto di riaprire le porte degli ospedali ai parenti dei pazienti senza limitazioni, allo stop di mascherine e tamponi per tutti, pazienti, visitatori e lavoratori. Abbiamo predisposto anche del materiale informativo che potrete trovare ai nostri banchetti e presidi.

L’attivismo non può però esimersi da una riflessione storica e politica. Siamo consapevoli che potremmo essere ignorati, inglobati, contrastati ed “eliminati” (come fanno sparire i nostri video scomodi dai canali social). Ciononostante proseguiamo nel far consapevolezza, consci che quello che abbiamo da difendere e costruire è ben più importante di quello che potremmo eventualmente perdere.

A tutti noi auguro un anno di coraggio, di resistenza e di poter portare nella politica e nelle istituzioni la voce delle persone che vogliono vivere in modo libero dalle maglie di falsità e di sottomissione del sistema. Un 2024 di Verità e Libertà.

Per approfondimenti: consiglio la lettura di “Storia del diritto nobiliare italiano” di R. Cecchetti e la visione delle puntate delle trasmissioni 3V Battito del Mondo:

Come si perpetua la classe dell’èlite” con Mario Arturo Iannaccone

e “God save the King?” con Francesco Sabbatini, Marco Santero e Gilberto Trombetta

Scarica l’articolo

Segui i nostri social:    

Unisciti all’onda di chi non si rassegna, non dimentica, non si arrende alla follia sociale, ma afferma e afferma ancora una nuova concezione della vita, dell’umanità e, quindi, della politica!

Aderisci ora!

Un laboratorio, una scuola, una fucina di idee dove forgiare concretamente e insieme la nuova politica, perché vogliamo essere la nuova politica e costruire con le nostre mani la comunità in cui crediamo.

Scopri i prossimi appuntamenti!

Sostieni il nostro partito! Il tuo contributo verrà impiegato per diffondere le nostre campagne, organizzare manifestazioni e, attraverso le elezioni, irrompere nelle istituzioni!

Sostienici

Contro la falsa lotta all’evasione, contro la moneta elettronica, in difesa dell’economia di persone reali, nasce l’iniziativa di solidarietà #ioPagoInContanti

Sostieni la campagna

17 ragioni di medici e scienziati che ci convincono a non vaccinarci per il Covid-19. Leggi gli studi e le fonti su: #ioNonMiVaccinoPerché

Sostieni la campagna

Il partito politico 3V opera con il solo intento di perseguire il bene comune, cioè il benessere di tutti i cittadini, in armonia con l’ambiente e con ogni forma di vita. Leggi la nostra visione