Statuto


Titolo I –  Principi generali

Art.1 – Finalità

Movimento 3V (in seguito indicato come “M3V”) è un movimento politico senza alcun fine di lucro che, attraverso i valori di democrazia, libertà e giustizia, persegue l’obiettivo dello stare bene nei vari e molteplici aspetti del vivere, a partire dalla realizzazione del proprio sé all’interno di una società solidale ed equa.

Presupposto che un diritto fondamentale di libertà della persona è l’autodeterminazione della propria salute individuale sia a livello concettuale che effettivo, il M3V si impegna in un’azione politica a difesa e sostegno della centralità di tale principio.

A partire dalla ricerca per tutti della piena verità inerente all’attuale pratica vaccinale di massa il M3V, in un’ottica di profonda revisione, ritiene prioritaria un’inversione di prospettiva dove l’individuo non venga ridotto a un numero all’interno di procedure standard ma sia considerato un essere dotato di consapevolezza, unico ed irripetibile.

Art.2 – Simbolo

Il simbolo del Movimento 3V appartiene esclusivamente al M3V.

Il simbolo, allegato al presente statuto, è contrassegno elettorale per le elezioni nazionali, regionali, amministrative ed europee. Esso è rappresentato da un cerchio con corona di circonferenza di colore rosso. Lo spazio interno del cerchio contiene la scritta nera su sfondo bianco “Vaccini Vogliamo Verità” disposta su tre righe. Nella parte superiore, lungo il margine della corona, è inscritta in modalità curvilinea la dicitura “Movimento 3V” in carattere nero.

Per apportare modifiche al simbolo ed emblema elettorale oppure alla denominazione del partito serve il voto del Consiglio a maggioranza dei quattro quinti dei componenti oppure l’approvazione dei tre quinti dei partecipanti al Congresso. Tutti i simboli del M3V, anche se utilizzati una sola volta, sono di proprietà esclusiva del M3V.

Art.3 – Sede

Il M3V ha la propria sede legale in Montefiorino (MO) via Roma, n. 11. Essa viene comunque stabilita dal Presidente nella qualità di rappresentante legale, sempre nel limite dell’ambito del territorio nazionale.

Art.4 – Durata

La durata del M3V è illimitata.

L’eventuale scioglimento del M3V può essere deliberato dal Congresso ordinario o straordinario con il voto favorevole dei quattro quinti dei partecipanti. Salvo diverse disposizioni di legge, in caso di scioglimento il patrimonio viene devoluto obbligatoriamente ad associazioni con finalità analoghe, consultato l’organo di controllo di cui all’art.3 comma 190, della legge n.662 del 23 dicembre 1996, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Titolo II –  Iscrizione e garanzie

Art.5 – Iscrizione ed associati

Possono liberamente iscriversi tutti i maggiorenni cittadini italiani oppure di stato membro dell’Unione Europea e residenti in Italia, secondo le procedure del presente statuto ed eventuali modalità indicate dal Responsabile Adesioni e comunicate anche tramite il sito internet del M3V.

I soci si distinguono in “amici” ed “attivisti”.

I soci amici versano la quota di adesione, non hanno obblighi o diritti, la loro iscrizione avviene in veste di simpatizzanti del M3V, ha durata pari all’anno sociale ed è rinnovabile in qualsiasi momento.

I soci attivisti partecipano e contribuiscono allo sviluppo del M3V acquisendo in via esclusiva il diritto di elettorato passivo ed attivo. La qualifica di attivista può essere richiesta da parte di coloro che hanno partecipato concretamente alle attività del Movimento dopo sei mesi dall’atto di prima iscrizione come socio amico. La domanda è inoltrata al Responsabile di Area il quale, entro il limite di novanta giorni, l’accetta, la respinge o richiede un ulteriore periodo di verifica. In caso di respingimento è ammesso ricorso entro trenta giorni al Responsabile Adesioni, che decide entro sessanta giorni in via definitiva ed inappellabile.

La qualifica di attivista del M3V, sin dall’atto di presentazione della domanda, è incompatibile con l’iscrizione ad associazioni massoniche, occulte o segrete, ad altri partiti o movimenti politici di caratura nazionale, regionale od europea e a qualsiasi gruppo o associazione che persegua finalità in contrasto con l’azione del Movimento.

L’associato perde la qualifica di attivista in caso di decesso, non rinnovo dell’iscrizione per mancato versamento della quota di adesione annuale da effettuarsi nel mese di gennaio di ogni anno, dimissioni proprie o per provvedimenti sanzionatori.

L’associato, oltre a partecipare direttamente alle attività del Movimento, è invitato a sostenere nel proprio ambito sociale le idee e le finalità del M3V. 

Art.6 Controllo e sanzioni

Il comportamento degli associati deve essere conforme a principi di onestà e correttezza e improntato sempre e comunque alla buona fede. Le deliberazioni degli organi del Movimento impegnano tutti gli attivisti, anche se assenti, dissenzienti o astenuti dal voto, a operare nel rispetto delle scelte adottate; è sempre fatta salva la possibilità, in apposite assemblee o incontri interni, di continuare a sostenere le proprie posizioni nella massima libertà di espressione.

L’Associato che, in violazione degli obblighi assunti con l’accettazione dello Statuto, venga meno ai principi ispiratori del Movimento può essere sottoposto a procedimento disciplinare.

Le sanzioni applicabili, a seconda della gravità del caso, sono, nell’ordine:

a) richiamo scritto;

b) sospensione fino ad un massimo di sei mesi con decadenza da eventuali incarichi;

c) invito alle dimissioni dalle cariche istituzionali ricoperte su designazione del Movimento; 

d) espulsione per gravi ragioni politiche.

Per gravi ragioni si intendono fatti, comportamenti, atteggiamenti anche omissivi, dichiarazioni o quant’altro posto in atto volontariamente a danno dell’azione politica del M3V.

Tutti gli organi del Movimento sono preposti, per quanto di responsabilità, a verificare la corretta e consona partecipazione degli associati. In relazione ai provvedimenti disciplinari il richiamo e la sospensione sono di competenza del Responsabile di Area nella cui sezione è iscritto l’attivista, mentre l’invito alle dimissioni o l’espulsione, in quanto eventi straordinari, possono essere intrapresi esclusivamente dal Presidente, dal Segretario o dal Responsabile Amministrativo.

Il sottoposto al provvedimento sanzionatorio, entro trenta giorni può presentare ricorso, che non sospende l’efficacia dei provvedimenti, al Responsabile Adesioni. Quest’ultimo si pronuncia in via definitiva entro il limite di trenta giorni. Le sue decisioni in relazione ai punti c) e d) del presente articolo sono appellabili entro trenta giorni presso il Garante. Gli organi preposti ai ricorsi disciplinari decidono, nel rispetto dei tempi indicati e senza ulteriori formalità procedurali, fatto salvo eventuale contraddittorio.


Art.7 Il Garante

Il Garante è figura di massima tutela degli iscritti che, per sua imparzialità di funzione, non può ricoprire nessun altro ruolo od incarico interno al Movimento. Egli è designato dal Consiglio a maggioranza dei tre quinti dei componenti. Dura ordinariamente in carica cinque anni e comunque fino alla costituzione di un nuovo Consiglio a seguito delle elezioni del Presidente o del Segretario, non è rieleggibile.

Compiti del Garante sono:

  • interpretazione delle norme statutarie in ogni caso di controversia interna causa di ostacolo all’azione del Movimento,
  • giudicare eventuali impugnazioni in relazione alle decisioni del Responsabile delle adesioni in merito ai punti c e d del’art.6 del presente Statuto.  
  • Il giudizio del Garante avviene entro trenta giorni ed è inappellabile.

Titolo III – Gli organi

Art.8 Il Congresso

Viene convocato in via ordinaria dal Presidente ogni cinque anni, in via straordinaria dal Consiglio a maggioranza dei tre quinti dei componenti oppure congiuntamente dal Presidente e dal Segretario. Il Presidente predispone un regolamento congressuale finalizzato al corretto e buon funzionamento del Congresso, che deve essere ratificato dal Consiglio a maggioranza dei componenti.

La convocazione del Congresso avviene con almeno venti giorni di anticipo sulla data designata e deve indicare luogo, data, orario, ordine del giorno; può avvenire anche mediante pubblicazione sul sito internet ufficiale del Movimento oppure tramite lettera, telefax, posta elettronica, affissione presso sede del Movimento, inserzione stampa o diffusione radiotelevisiva. Il Congresso è validamente costituito in prima convocazione con la presenza della metà più uno degli aventi diritto e, in seconda istanza posticipata di almeno 24 ore, con qualsiasi numero di partecipanti.

Costituiscono il Congresso in via esaustiva e con diritto di parola e voto i seguenti soggetti:

  • i delegati di area nel numero di uno ogni diecimila voti o frazione di essi, raccolti nell’elezione con sistema proporzionale temporalmente più prossima nel collegio plurinominale della Camera. Dove il M3V non si sia presentato col proprio simbolo spetta comunque ad ogni Area Territoriale un delegato. Come delegati gli attivisti di ciascuna Area Territoriale scelgono, tramite votazione a maggioranza semplice, coloro che tra essi si propongano a ciò;
  • gli eletti nel Parlamento nazionale, europeo e nei consigli regionali;
  • i componenti del Consiglio uscente;
  • i Responsabili di Area ed i Coordinatori di Collegio Plurinominale Senatoriale.

Non sono previste né ammesse deleghe da parte degli aventi diritto al Congresso.

Il Congresso discute ed approva a maggioranza dei votanti le mozioni di indirizzo politico che divengono la base del programma del M3V. Le mozioni debbono essere sottoscritte da almeno il cinque percento dei congressisti aventi diritto ed ognuno di essi non può sottoscrivere più di una mozione. Nel caso di più mozioni, esse verranno poste al voto in ordine decrescente a partire da quella con il maggiore numero di sottoscrizioni.  

Il Congresso, dopo le mozioni d’indirizzo elegge, nell’ordine, il Presidente ed il Segretario. Le scelte congressuali avvengono per voto palese ad eccezione della procedura per scrutinio segreto nel caso specifico in cui vi siano più candidati alla carica di Presidente o Segretario.

In relazione alle candidature alla carica di Presidente e Segretario, nessuno può candidarsi contemporaneamente ad entrambe, ogni candidatura deve essere sottoscritta da almeno il cinque per cento dei congressisti aventi diritto, i quali possono sottoscrivere non più di un candidato per differente tipologia di carica. Qualora, nel caso di più candidati ad una o ad entrambe le cariche, nessuno raggiunga il cinquanta per cento più uno dei voti validamente espressi, si procederà a mezzo di doppio turno tra i due candidati più votati. I candidati a Segretario hanno l’obbligo di presentare ed illustrare in fase di dibattito una propria caratterizzante relazione programmatica.

Art.9 Presidente e Gruppo Operativo

Il Presidente è il rappresentante legale del M3V di fronte ai terzi. Il Presidente è autorizzato ad attivare atti giudiziari, presentare querele, svolgere qualsiasi altro atto che riterrà utile ed indispensabile in favore del M3V avanti a qualsiasi autorità giurisdizionale. Il Presidente controlla e garantisce l’applicazione del presente Statuto da parte di tutti gli attivisti. Tra le sue prerogative fondamentali vi è la funzionalità organizzativa ed operativa del Movimento.

Egli è eletto dal Congresso, dura in carica cinque anni e può ricoprire l’incarico non oltre due mandati.

Il Presidente, per lo svolgimento delle proprie funzioni, istituisce un Gruppo Operativo conferendo i seguenti incarichi:

  • Responsabile Amministrativo con funzione di tesoriere, la cui particolare figura è meglio specificata secondo quanto disposto all’art.18;
  • Responsabile Adesioni, che garantisce il corretto trattamento dei dati personali ai sensi di legge e tiene il registro nazionale degli attivisti;
  • Responsabile Organizzativo, che cura direttamente le iniziative del Movimento di più ampia rilevanza e che supporta le strutture territoriali, se da esse richiesto, nell’ambito delle azioni di carattere prettamente locale;
  • Coordinatore dei Responsabili di Area, che assicura l’operatività e l’efficienza del Movimento in tutto il territorio nazionale, in particolare nell’ambito delle elezioni parlamentari;
  • Responsabile Elezioni Regionali, che opera nel contesto multiplo delle diverse realtà regionali allo scopo di ottenere i migliori risultati possibili nelle rispettive consultazioni elettorali;
  • Responsabile Elettorale, che segue e si occupa delle varie procedure elettorali.

I Componenti del Gruppo Operativo godono tutti di ampia autonomia, sono revocabili dal Presidente o dal Consiglio a maggioranza dei componenti, decadono con l’elezione di un nuovo Presidente.

Il Presidente può essere sfiduciato dai tre quinti dei componenti il Consiglio i quali indicheranno anche un presidente protempore. Si procederà quindi, entro centoventi giorni, alla convocazione di un Congresso straordinario per l’elezione di un nuovo Presidente. Nel caso di dimissioni o impedimento permanente il Consiglio, con la stessa maggioranza indicata come necessaria alla sfiducia, elegge un nuovo Presidente che resterà in carica fino al primo Congresso ordinario.

Art.10 – Segretario e Gruppo Politico

Il Segretario è il principale responsabile dello sviluppo e della realizzazione della linea politica del M3V secondo le finalità previste dallo Statuto e le disposizioni indicate dal Congresso. Egli è il portavoce del Movimento verso i terzi in particolare attraverso le manifestazioni pubbliche, le relazioni con i media, i rapporti con le altre forze politiche e con le associazioni, i messaggi informativi verso i cittadini.

Egli è eletto dal Congresso, dura in carica cinque anni e può ricoprire l’incarico non oltre due mandati.

Il Segretario per lo svolgimento delle proprie funzione istituisce un Gruppo Politico conferendo i seguenti incarichi:

  • Addetto stampa, che cura i rapporti con gli organi d’informazione;
  • Responsabile della Comunicazione web, che cura l’operatività del sito internet del M3V e degli eventuali altri canali di diffusione online del Movimento;
  • Responsabile Relazioni Esterne, che cura i rapporti del Movimento nell’ambito dei più diversi contesti sociali;
  • Responsabile Scientifico, che cura la raccolta, l’analisi e archiviazione dei dati utili agli obiettivi del M3V;
  • Consulente Legislativo, che fornisce consulenza legale al movimento e supporto alla elaborazione di proposte di legge;
  • Coordinatore dei Consiglieri regionali, che opera per un’azione unitaria e coerente dei vari eletti del M3V nelle diverse regioni italiane.

I Componenti del Gruppo Politico godono tutti di ampia autonomia, sono revocabili dal Segretario o dal Consiglio a maggioranza dei componenti, decadono con l’elezione di un nuovo Segretario.

Il Segretario può essere sfiduciato dai tre quinti dei componenti il Consiglio i quali indicheranno anche un segretario protempore. Si procederà quindi, entro centoventi giorni, alla convocazione di un Congresso straordinario per l’elezione di un nuovo Segretario. In caso di dimissioni o impedimento permanente il Consiglio, con la stessa maggioranza indicata come necessaria alla sfiducia, elegge un nuovo Segretario che resterà in carica fino al primo Congresso ordinario.

Art.11 Consiglio

Sono componenti del Consiglio il Segretario, il Presidente i facenti parte del Gruppo Operativo e del Gruppo Politico, una quota dei rappresentanti del M3V eletti nelle istituzionali e, nello specifico, un senatore, un deputato, un parlamentare europeo e cinque consiglieri regionali nella misura di uno per ogni circoscrizione elettorale europea in cui è suddiviso il territorio nazionale. I rappresentanti previsti delle istituzioni saranno liberamente scelti dai rispettivi colleghi mediante votazione a maggioranza.

Il Consiglio è presieduto dal Segretario che ne prepara l’ordine del giorno con avviso di convocazione da effettuarsi con almeno cinque giorni di anticipo anche tramite il sito internet del Movimento o altre modalità da definire tramite regolamento. Esso si riunisce in via ordinaria a cadenza trimestrale o straordinaria su decisione del Segretario o se richiesto da un quinto dei componenti.

Il Consiglio è validamente costituito dalla presenza della metà più uno dei suoi componenti e, quando non diversamente disposto dalle norme di legge o dal presente Statuto, approva a maggioranza dei presenti.

Sono prerogative per le quali è richiesta l’approvazione del Consiglio:

le questioni di maggiore rilevanza ai fini dell’azione del M3V che non siano già demandate ad altri organi per legge o secondo il presente statuto; 

l’importo delle quote associative indicate dal Responsabile Adesioni;

gli atti di bilancio predisposti dal Responsabile amministrativo secondo le norme di legge;

i regolamenti o relative modifiche che di volta in volta si rendessero necessari per il corretto e buon funzionamento del Movimento;

le modifiche dello Statuto predisposte e presentate dal Presidente;

le liste di candidati preparate unitariamente dal Segretario e dal Presidente; 

gli eventuali accordi elettorali proposti dal Segretario.

Titolo IV Struttura ed articolazione del Movimento

Art.12 Sezioni Territoriali

Il M3V si articola a livello locale sulla base di sezioni corrispondenti ai collegi uninominali della Camera dei Deputati come definiti dalle leggi vigenti. Una sezione è validamente costituita quando vi risultano iscritti almeno 9 attivisti. I soci decidono di propria autonoma iniziativa le azioni in ambito politico locale, eleggono a maggioranza semplice il Responsabile Territoriale, responsabile a livello locale delle attività del Movimento. Egli si coordina con il Responsabile di Area ed è il candidato di collegio alle elezioni nazionali.

Gli attivisti appartenenti allo stesso collegio elettorale uninominale del Senato della Repubblica, anche quando di diverse sezioni territoriali, eleggono il candidato di collegio senatoriale uninominale in seduta congiunta tramite votazione a maggioranza semplice.

Le strutture territoriali non godono di autonomia patrimoniale. I Responsabili Territoriali, quindi, nei limiti delle attività locali, non possono sostenere spese per importi complessivamente superiori ai mille euro per singola iniziativa, di cui devono prevedere la copertura direttamente in loco. I membri di ciascuna sezione sono giuridicamente responsabili delle proprie azioni, di cui rispondono direttamente e personalmente.    

Art.13 Responsabili di Area e Coordinatori di collegio plurinominale senatoriale

Il Consiglio nomina, tra gli attivisti, dei coordinatori per ciascuno dei collegi plurinominali in cui è suddiviso il territorio nazionale per le elezioni del Parlamento Italiano. In relazione ai collegi plurinominali del Senato, i Coordinatori svolgono una funzione di raccordo tra i candidati dei collegi uninominali che costituiscono il pluricollegio, finalizzata prevalentemente alle procedure elettorali. I Coordinatori dei collegi plurinominali della Camera assumono la denominazione di Responsabili di Area. Essi, oltre alle procedure elettorali di competenza, hanno il loro compito di fornire supporto per le attività del Movimento svolte dalle sezioni territoriali che costituiscono il collegio plurinominale. 

Secondo quanto disposto dal successivo art.14 per i vari responsabili e coordinatori è esclusa la possibilità di presentare delle candidature e dei contrassegni elettorali, a meno che tale potere non venga delegato direttamente dal Segretario o da procuratori da egli indicati.

Titolo V – Elezioni Nazionali, Regionali, Amministrative ed Europee

Art.14 Partecipazione

Il Movimento 3V partecipa alle elezioni con l’obiettivo di ottenere propri rappresentanti nelle istituzioni, che perseguano e realizzino i principi del Movimento. Il M3V, in considerazione delle proprie finalità politiche, partecipa prioritariamente alle elezioni nazionali, regionali ed europee.

M3V partecipa alle elezioni amministrative in via straordinaria, con finalità prevalentemente politiche individuando a tale scopo i comuni a maggiore dimensione demografica o rappresentatività. Il Consiglio detta le linee guida in tal senso.

I soci attivisti, a titolo esclusivamente personale e previa consultazione del Consiglio, possono candidarsi alle elezioni amministrative locali a cui il M3V non partecipa, in liste e formazioni purché queste non siano in contrasto con le finalità del M3V.

Le liste dei candidati a nome del Movimento e i contrassegni elettorali sono presentati dal Segretario, anche tramite procuratori da egli indicati. Il Segretario autorizza l’uso del simbolo elettorale del M3V.

Art.15 Candidature

Il M3V, in ossequio alle norme vigenti, promuove la partecipazione alla vita politico istituzionale delle donne, garantendo tra le candidature alle elezioni il massimo equilibrio possibile tra donne e uomini. Nei casi in cui non si raggiungesse la parità, si assume il 60% come limite massimo non superabile di candidature per ogni sesso.

I candidati dei collegi uninominali di Camera e Senato sono scelti dagli attivisti delle sezioni di riferimento secondo le procedure dell’art.12. Qualora un territorio manchi del numero di attivisti necessario per la costituzione di una sezione, la scelta dei candidati passa al Consiglio.

I Candidati dei collegi plurinominali di Camera e Senato, così come le liste dei candidati per elezioni europee e dei consigli regionali sono approvate dal Consiglio su indicazione congiunta del Segretario e del Presidente, così come indicato dall’art.11.. Tra le candidature di competenza del Consiglio possono essere proposti, nel limite dei due quinti per lista, anche soggetti non soci, qualora si siano particolarmente distinti in azioni con finalità analoghe a quelle del M3V.

Art.16 Eletti e gruppi

Gli eletti del M3V si costituiscono in “gruppi” del M3V. L’eventuale adesione ad altri gruppi senza autorizzazione del Consiglio a maggioranza dei componenti comporta l’espulsione dal Movimento e la richiesta di dimissioni dalla carica istituzionale.

Al fine dello sviluppo delle azioni istituzionali degli eletti nell’ambito delle linee direttive indicate dal Congresso e dal Consiglio, i presidenti dei gruppi europei e nazionali riferiscono direttamente al Segretario, che cura l’indirizzo delle iniziative dei gruppi e dei singoli parlamentari. Per le medesime motivazioni di operatività e finalità i presidenti dei gruppi regionali riferiscono al Coordinatore dei Consiglieri, che si relaziona direttamente al Segretario. 

Titolo VI Amministrazione

Art.17 Società esterna di revisione e controllo

Il Presidente, a seguito di domanda di iscrizione rivolta alla “Commissione di garanzia degli statuti e per la trasparenza e il controllo dei rendiconti dei partiti politici del Parlamento Italiano” e di avvenuto inserimento nel Registro Nazionale dei partiti politici, ha il compito di nominare la società esterna di revisione contabile avente la funzione di controllo e certificazione dei bilanci e dei rendiconti secondo i requisiti previsti dalle normative vigenti.

Art. 18 Amministrazione e Responsabile amministrativo

Il Responsabile Amministrativo del M3V (in seguito indicato come Tesoriere) viene nominato dal Consiglio a maggioranza dei componenti su proposta del Presidente, dura in carica ordinariamente cinque anni e può essere rieletto una volta sola; decade con voto di sfiducia della maggioranza dei componenti del Consiglio; termina e rimette il proprio incarico dopo elezioni congressuali del Presidente. In caso di impedimento permanente o di dimissioni il Presidente, ne acquisisce le funzioni fino alla scelta di un nuovo incaricato. La carica di Responsabile Amministrativo è incompatibile con quella di altro incarico interno al Movimento.

Il Tesoriere, in nome e per conto del Movimento:

  • tiene i libri contabili e coordina l’operatività di una corretta gestione economica;
  • segue il buon andamento e la regolarità della gestione finanziaria e patrimoniale;
  • è tenuto a prevedere per ogni spesa i relativi mezzi di finanziamento;
  • predispone annualmente il bilancio preventivo entro il 31 dicembre dell’anno precedente. Nel corso dell’anno, in accordo col Presidente, potrà effettuare delle correzioni e degli aggiustamenti sulla base del reale andamento economico e della chiusura del conto consuntivo;
  • predispone entro il 31 marzo di ogni anno solare il bilancio consuntivo corredato da una relazione sulla gestione, e dall’inventario dei beni mobili ed immobili e quanto altro richiesto in conformità e secondo la disciplina normativa vigente. Il bilancio consuntivo è pubblicato secondo disposizione di legge nel sito internet del Movimento entro il 15 luglio di ogni anno;
  • gestisce i flussi finanziari secondo i limiti delle norme di legge in materia, di quanto disposto dal Consiglio e delle disponibilità di cassa;
  • assicura la regolarità contabile e l’attinenza delle decisioni di spesa degli organi del Movimento Politico dei Cittadini con le effettive disponibilità e le voci di bilancio;
  • può bloccare le spese incompatibili col bilancio o non coperte chiedendo il riesame delle stesse;
  • può sottoscrivere mandati di pagamento;
  • incassa le quote sociali e le erogazioni liberali;
  • tiene i rapporti con le banche e i fornitori in genere;
  • svolge tutti gli atti di ordinaria amministrazione occorrenti per l’ordinaria operatività ed ogni altro adempimento previsto a suo carico dalla legge;
  •  è abilitato a riscuotere eventuali rimborsi, i contributi dello Stato o altre entrate che la legge riconosca al Movimento.

Il Tesoriere inoltre può: 

  • in ogni momento, effettuare ispezioni e controlli amministrativi e contabili;
  • affidare procure e deleghe;
  • per motivi strettamente inerenti al proprio ufficio, chiedere al Segretario la convocazione del Consiglio con l’inserimento di appositi punti nell’ordine del giorno. 

Art.19 Revisore

Il Consiglio nomina, a maggioranza dei componenti, un Revisore dei Conti interno al Movimento, scelto tra gli iscritti e dotato delle opportune capacità professionali e degli adeguati requisiti morali. Il revisore non può ricoprire altri incarichi all’interno del movimento. Egli dura ordinariamente in carica per cinque esercizi e comunque fino alla costituzione di un nuovo Consiglio a seguito delle elezioni del Presidente o del Segretario ed è rieleggibile una sola volta.

Il Revisore redige una relazione in merito alla corretta contabilità da allegarsi al rendiconto annuale. Al fine di ottemperare al meglio alle proprie funzioni, egli gode in autonomia degli opportuni poteri ispettivi sulla gestione finanziari e contabile.   

Art.20 Entrate

Le risorse del M3V danno origine al patrimonio, che è unico ed indivisibile e che viene utilizzato esclusivamente per le finalità statutarie del movimento.

Le entrate del Movimento sono costituite principalmente da:

  • quote d’iscrizione associativa annuale;
  • contributi liberi e volontari dei cittadini;
  • utili derivanti da manifestazioni o partecipazioni ad esse;
  • attività marginali di carattere commerciale e produttivo;
  • contributo dello Stato e rimborsi a norma di legge;
  • eventuali eccedenze attive delle gestioni annuali;
  • eventuali fondi di riserva costituiti dalle eccedenze di bilancio;
  • rendite di beni mobili o immobili pervenuti all’organizzazione a qualunque titolo;
  • investimenti mobiliari e immobiliari;
  • lasciti, accettati con beneficio di inventario dal Presidente;
  • ogni altro tipo di entrata consentita dalla legge.

Art.21 Uscite

Le principali uscite del Movimento sono costituite da:

  • spese per attività di informazione quali: stampa, editoria, discografia, emittenza radiotelevisiva, propaganda e qualunque altro strumento di comunicazione;
  • spese per campagne elettorali;
  • spese per manifestazioni ed eventi;
  • spese per studi riguardanti le finalità del Movimento;
  • spese di gestione ed implementazione del sito internet del Movimento;
  • spese di carattere generale;
  • spese indirizzate, ai sensi delle norme vigenti, ad iniziative volte ad accrescere la partecipazione attiva delle donne in politica di almeno il 10% delle quote spettanti dalla destinazione volontaria del due per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche;
  • spese per sovvenzioni a sostegno di altri movimenti aventi finalità analoghe;
  • spese di formazione quadri, iscritti ed eventuali simpatizzanti;
  • spese per eventuale personale;
  • altre spese che si rendessero necessarie per il raggiungimento degli scopi o per la funzionalità operativa del Movimento.

I soci che cessino di far parte del M3V, a prescindere dalle cause, non possono avanzare alcuna pretesa di ripartizione ed assegnazione di quota a valere sui fondi del Movimento che sono unitari ed indivisibili. Non possono essere distribuiti agli iscritti in nessuna forma eventuali fondi, riserve, avanzi di gestione o capitali.

È fatto divieto di distribuire in alcuna forma utili o avanzi di gestione, salvo i casi di destinazione o distribuzione imposti dalla legge.

Titolo VII Norme Transitorie

Art.22 Disposizioni Transitorie

I. Il Movimento intende presentarsi con liste di candidati ed il simbolo M3V, come propria prima diretta partecipazione alle elezioni, al rinnovo del Consiglio regionale dell’Emilia Romagna e alla contestuale elezione del Presidente regionale.

II. Le prime cariche di Presidente e Segretario sono indicate nell’atto di costituzione del M3V. Entrambi restano in carica nella piena totalità delle proprie prerogative fino alla tenuta del I° Congresso.

III. Fino al I° Congresso il Presidente, il Segretario ed il Consiglio hanno la possibilità, per quanto di competenza, di integrare in qualsiasi momento gli organi del Movimento.

IV. Il periodo temporale dall’atto costituente alla prima elezione congressuale, in considerazione della sua natura fondativa, non ha effetto ai sensi del conteggio di nessuno dei limiti di mandato degli organi e delle cariche del Movimento.

V. Il I° anno sociale si apre l’1 gennaio 2019 ed il I° Congresso costituente del M3V è da tenersi a posteriori del completamento del I° anno di tesseramento. La data, stimata indicativamente entro il 30 giugno 2020, viene prorogata al termine delle vigenti restrizioni della libertà di associazione.

Titolo VIII Norme Finali

Art.23 Democrazia interna e tutela delle minoranze

Il Movimento assicura la tutela delle minoranze interne.  Agli attivisti è, come indicato all’art.6, sempre garantita la possibilità di sostenere in piena libertà di espressione le proprie posizioni nel corso delle assemblee o degli incontri interni. Sono previsti come strumenti di tutela individuale le procedure disciplinari di cui agli art. 5, 6 e 7 del presente statuto. La tutela collettiva è garantita dai quorum necessari all’approvazione di importanti azioni del Movimento, degli organi e delle cariche interne, come disposto agli art. 2, 4, 7, 8, 9, 10, 16, 18, 19, 28 e 29.

Inoltre, a differenza delle prassi consuete dei partiti che concentrano molti poteri in un’unica persona, nel M3V vi è una scelta democratica di distribuzione e separazione dei poteri tra le due figure di Presidente e Segretario.


Art.24 Trasparenza e sito Internet

Il M3V assicura trasparenza anche mediante un proprio sito Internet altamente accessibile, anche da portatori di disabilità, avente caratteristiche di: chiarezza di linguaggio, affidabilità, completezza di informazione, semplicità di consultazione, qualità, interoperatività ed omogeneità; con relativo accesso alle informazioni riguardanti: obiettivi e finalità, bilanci, organi associativi, funzionamento interno e proprio assetto statutario. 

Art.25 Collegio Arbitrale

In relazione alla composizione extragiudiziale di qualsiasi controversia insorgente nell’applicazione e nell’ esecuzione delle norme statutarie tra gli iscritti, tra gli organi, ovvero tra gli organi e gli iscritti, deve essere devoluta alla determinazione inappellabile di un collegio arbitrale costituito da tre arbitri amichevoli compositori. Sono nominati uno per ognuna delle parti ed il terzo in accordo tra le stesse oppure, in mancanza di accordo, dal Presidente della Corte di Appello di Milano, che nominerà anche l’arbitro nel caso una parte non vi abbia direttamente provveduto. Il collegio giudicherà entro sessanta giorni “ex bono et aequo” tramite contradditorio senza ulteriori formalità procedurali. La determinazione ha effetto di accordo tra le parti. 

Art.26 Norme di riferimento

In relazione a quanto non direttamente normato dal presente testo valgono le disposizioni di vigenti. Il presente statuto è regolato ed interpretato secondo legge e per ogni controversia è competente in via esclusiva il Foro di Milano.

Art.27 Modifiche di struttura ed articolazione

Il Movimento, al fine del migliore raggiungimento dei propri obiettivi, ha predisposto la propria struttura e articolazione in funzione dell’attuale sistema elettorale del Parlamento Italiano. In caso di modifiche legislative del vigente sistema, il Consiglio provvederà ove necessario agli opportuni adeguamenti delle proprie articolazioni, intervenendo sugli art.12 e 13 sempre nell’ottica dell’efficienza operativa del M3V.

Art.28 Disposizioni non modificabili

I. Chiunque risulti avere espletato tre mandati pieni in una qualsiasi delle Istituzioni indicate al Titolo V, cioè al parlamento nazionale, europeo od in un consiglio regionale italiano diviene incandidabile in rappresentanza del Movimento. Tale disposizione statutaria oltre ad essere inderogabile è immodificabile.

II. Tutti i limiti di mandati nelle cariche interne secondo quanto indicato negli articoli del presente statuto sono inderogabili ed immodificabili.

III. Per apportare modifiche alle finalità indicate all’art.1 serve il voto del Consiglio a maggioranza dei quattro quinti dei componenti oppure l’approvazione dei tre quinti dei partecipanti al Congresso. Tale disposizione è immodificabile.

Art.29 Statuto e disposizioni finali

I. Chiunque si dimetta dalla qualità di associato del M3V decade dalle cariche interne eventualmente ricoperte.

II. Il Consiglio, con delibera a maggioranza dei tre quinti dei componenti, ha competenza, in relazione al presente Statuto, nell’emanazione di norme interpretative autentiche, nell’introduzione di disposizioni d’ordine legislativo nazionale ed europeo, nella correzione di errori materiali o di difetti di coordinamento tra i vari articoli, nella modifica dello Statuto stesso.

III. Il presente statuto è redatto nella forma di atto pubblico.

IV. Il presente testo è letto, compreso ed approvato dai soci Fondatori del Movimento 3V sottoscrittori dell’atto costitutivo dell’associazione, del quale risulta parte integrante e diviene nei propri effetti immediatamente esecutivo.

Il testo del presente statuto è stato modificato all’unanimità del Consiglio in data 01/01/2021.

Il partito politico 3V opera con il solo intento di perseguire il bene comune, cioè il benessere di tutti i cittadini, in armonia con l’ambiente e con ogni forma di vita. Leggi la nostra visione

NEWSLETTER 3V